Ego sum

Ego sum

Seguo scia d’animale ferito,

come feroce ricerca per caccia la preda e suo sangue.

Son solo feroce,

 assetato di sangue,

 e, vago tra orme,

confesso son bruto pentito,

 perchè poi alla fine trovato la preda,

 a violenza ferita,

 gli dono di me

 gli porgo mia mano e mio amore

di cuore a vedere guarire.

Vederla selvaggia nel bosco

 come fosse cerbiatta o

 leone d’inverno o

 altro boschivo. Lontana da me

 difficile visu

 a stento conosco quei preda,

 allor lenta nel bosco ferita.

 Si vede però; di sotto la spalla ferita guarita che

 parla col cuor.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in poesie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...