Giardino d’inverno

Giardino d’Inverno

 

 

Ma insomma questa fretta

or che non sono più di fretta

a che vale tutta questa fretta

mi accosto volentieri ad essa

per veder cosa trascina nella fretta

viver più di corsa il giorno

o fretta aver mentre notte sogna.

Certo che di fretta vuoi mostrina

a far tutto di fretta un lesto fatto

ottenere senza alcun fatica

a partorire come oggi suole

un con tanta fretta pur di dar luce

con la lucente  lama,al taglio svelta.

Preoccuparsi ancora a correre veloce

a prendere mezzi a locomozione

affronto fare a ripidi pendii

pur di raggiungere tanta fretta in cima o a valle

negando agli occhi tuoi

fin l’orizzonte linea di luce che ti abbaglia.

Ma si lo voglio subito è più bello

volere da toccare e da mangiare

prendere sentire per la pelle

quel che era tenero anche

se or non sembra proprio quello.

Lasciarti vivere a capriccio

per bizzarrie d’altro  o d’altra

come si fatto pupo a solo stoffa

lasciarti sbattere su un giù sù

d’affanno duraturo

per sentirti invadere, tu dentro,

le labbra di quel calor speciale

che fa felice vita e ne produce ancor.

So quanto sia bello e quanto lesto

timoroso e in fretta l’adagio sulle labbra

un volerle amare tutte in fretta

un agitarle tutte un dentro un fuori

tutto di fretta cogliere raccogliere

senza che solo attimo  anche se in fretta

andasse poi perduto non so dove.

E poi sempre di fretta abito buttato

calpestato e sparso per il piano

e scarpe che non si trovan più

per fretta d’un dover far con tanta fretta.

Amanti amarsi si  come tagliati al tempo

nella fretta tutto presto

presto la sul tavolino o in ogni luogo

come un ragazzino che ha fretta

d’andarsene a vedere con gli amici

scambiarsene  la birra e le risate

al posto d’andar dimora con il sesso

al posto a sentirlo con la testa

o sentirselo cavalcar a pelo nudo

come di groppa di cavallo in corsa

ma anche di fretta.

Sentirsene suo gusto caramello.

Oh dolce oh mia cara fretta

oggi ti vedo  come vecchia stella

non ti amo, non voglio amarti in fretta

oggi son uno che malgrado svelto

cerco  quella che di contra e della fretta.

Cerco,mi piace andare non più di fretta

ma con calma fare a godere

di quel che rimane in vita

non più a scaramanzia nuotar di fretta

prima che non si può più

e l’epitaffio a mandare giù,

ma piano prenderti per mano

e carezzarti e baciarti ovunque

ma con calma

voglio gustarmi  tutto quanto perso

o trattato male, a giustificare fretta.

Capisco quella sveltezza ch’è desio

capisco che bisogna fare in fretta

pel mancato tempo che ci aspetta

ma non lasciamo tutto alla deriva in fretta

cerchiamo di vivere per come s’usa dire

con costumanza fatta di convento.

Non so , or spinto da cotanta fretta

quanto possano essere comprese

verità parole o pressa a poco;

Io starò fin che posso

qui al tuo fianco amato

dolente alla mia sorte io prostrato

sul  mio lo stallo, tuo considerato,

a raccogliere parole e desideri

per poi mischiarle con alchimia locale

a far divenire gente confidente  e mia

parlar di qualsivoglia oggetto

senza che fretta più insegua altro

a dimostrazione  di quanto

bello goder con calma sia.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in poesie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...