Paloma

Sete di sete

da raccogliere a colori

vivaci o pastelli,il gusto,

vive o spente

per averle tempo fa

dipinte fabbricante,

e contorte di fili

sottili e intrecci

e poi naturali verdi

come di foglie a coprire

corpi nudi, pronti,

a tastare amore , sconnesso,

confuso entusiasmo,

in mezzo a fronde di capelli

a rosee gote,godere,

anch’essi.. ma pur sempre belli,

capiti e compresi,

o bianchi o nuovi;

pensieri che tengono

la mente alta

e il corpo giovane

a vogliarlo di sudore dolce

e amplessi con calma gustare

e amore prestarsi con baci piano,

piano;

infilarsi dentro tra pieghe

a confidenza d’amare,

ancora bene amore;

sentire con calma calore,e,

vero amore:

che strade non aprono

a chiunque ma a quei che sentono,

a quei che vedono nel buio

a muoversi in scuro

come ai raggi al giorno dati,

per esperienze avute.

Placare ancora sete

quando al tocco tese mie le mani

al tatto sete.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in poesie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...