Relazione

Relazione

 

 

 

Sorda tempesta

inghiotte voci

come d’inferno stalli,

lamentevoli parvenze,

vogliono ancor cantare

come spensierate anime;

quando a cercar l’illusione

del giusto esistere,

dimentichi,

ridono e scherzano

danzano folletti,

vedono vicino, come se stessi:

bello,fascinoso,sano,e,

senza alcun difetto.

Un navigare in lotta

in fra quel che desto e il sogno.

Ma quando volge al giorno mattutino

e lascia la persona il sonno e il sogno

al primo impatto nel riflesso specchio

ecco come ti appari e come sei.

Tradito  allor  ti vedi dal destino

quando Padrona  tua

ti stringe cuore:

grondante lacrima

arsa senza amore.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in poesie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...