Fermati

Fermati,

non infliggermi pene a solitudo regno,

vieni alla pastura verde

ove ancor insieme

fa piacer passarsi al lato,

e al quanto si può dallo star legati:

e per le braccia e il senno

e per la bocca labbra

e quanto sia amor che tutto stringe

e, per cotanto,

anco, parola ferma, 

quando data a disperdersi col vento,

nell’atto a dire: quant’io ti voglio bene.

Annunci

1 Commento

Archiviato in poesie

Una risposta a “Fermati

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...