Generation

Generation

Voluttuose gonne

spinte strattoni

inganno volgare

di giovani leve;

occhi giovani,vaghi riflessi

smarriti sul buono bambine

che tiran lo sguardo a figure

a viaggiare per caso anche lì.

Assieme a vederci, comunque;

importanti momenti di vita

scandiscono l’ore,  per noi,

di tante stagioni vissute,

per loro, le gonne,

brutture di vecchi

che sembrano chiedere ancora

col vizio che loro fa stanchi;

rossetti portati e leccati

quei rosso che intima bacio

sbiaditi quei toni e colori

hanno perso lo scatto di verde,

retine sul viso eleganti

no s’usano più;

sol moda,moderna sfilata

richiama la veste che fu

a tirarle ancora,per giuoco,

in quel tragico giogo

poi lasciate in disuso

in armadio per sempre poi chiuso.

Or vicino alla bimba

strattata vogliosa

Amore e Cupido

sostan gli occhi di tanti

che muti si guardan

si parlano ancora ricordi

si vedono tanto parenti

quegli occhi

si amano forse e non sanno

quanta gioia parola che porta

che serena la notte che affrontan

quando spoglie sul letto,figure,

campanello che suona grazioso

invogliando lor disio ch’è l’amor.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in poesie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...