Archivi del mese: aprile 2013

Organo

Organo

Canne a sfiati
Aracne fili, aggrovigliate note
contano spire e gabbie
dita che sciolte come da cavalli bizze
cadono su tasti indicando
materia e ordine come creato
un ordinar di stelle.
Vola ora quel vento soffiato
và per dipanare al martelletto orecchio
quale potenza sonda, s’induce a
grigia materia di meninge a provocare
forte l’emozione quando in te s’addentra.
Lo stesso fiato che a me scalda
e a me arriva ovunque d’ogni lato e d’ogni parte
che rosa dei venti getta;
ma diverso a me pare il sapor
dell’aria non frizzante o secca come libeccio
ma come un canto incanta
sapersi d’ella il sapore di rossetto
o d’innocente sapor senza alcun vizio
quando me s’avvicina al mio palato
pronto a raccoglier segni e caldo amore
che son creati dal deglutir di bocca
quando f’amore.

Annunci

Lascia un commento

11 aprile 2013 · 4:43 pm

Sin of love

Guardata

allegata marza gemma
gonfia verde nuova
s’apre a battere foglie
come parto
guardata madre quando contorce
fiore e grido e al dolore impreca
per lo stesso dato dal picciol corpo
e del grido nascituro pianto
ora
turgido seno a lui mostra rosso bello
la fonte dove quella bocca spillerà bianco
e lacrima rendere quando a restar
pel tempo o vecchio senza
di poi carezza mamma.
Ritrovo e dico ora che ti guardo
mia di rosa amante
poterti come quei bambino
toccarti in quel tuo viso
sentirmi stretto tirato sul tuo petto
sentire desiderio tuo
che tu mi dai
quando mi baci
come amante al letto
parlarmi or di favole e di amore
sentirmi il dire di quanto tu che m’ami
e m’amerai
e a me lasciar dolce capire
quando
come dia di moto in te nascosto
pel gusto sotto valle sì profondo
d’accaponar mia pelle
sentirmi le tue labbra
al bacio or mai esse sì ferme
quando loro fremere l’uguaglia
il sibilare dei venti sfusi e spagli.

Lascia un commento

4 aprile 2013 · 4:20 pm