Girovaga

Girovaga

Non posso mostrare
mio petto
quel bianco di tempo
che povero fa
allora era forte tirato
come corda a viola
bello, piacevole al tatto
forgiato,immerso in amore
frizzante col freddo o col caldo
scudiscio che batte sul cuore
mai egli stanco al desio
sè pentiva riguardo.
Or tu gitana viaggiante
su terre lontane hai tu meta
che chiede tuo cuore?
Perchè quelle mani
su in alto nei cieli
a cercare tu forse il perduto?
Non guardare tu zingara indietro
e l’amore e le stelle lontane
che non eran per te;
tu sei bella di veste coperta
colori i tuo occhi di buona dolcezza
che aprono stanze e pensieri
e dai petti di velli dorati
senza sforzo a volere vorrai
sia tua la scelta di chi fortunato sarà.
Un peccato m’angoscia o gitana
si foss’io or tuo giunco chinarmi
quando in piena amarmi vorrai.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...